LO STACCO DAL RISCALDAMENTO - Francesco CHIEDE:
Pubblicata il 02-03-2017

Salve, tempo fa mi sono staccato dal riscaldamento condominiale seguendo tutte le regole e l'assemblea mi ha autorizzato. Ora un condomino ha dei danni nel suo appartamento, derivanti dalle tubazioni del riscaldamento. Sono necessari dei lavori impegnativi per risolvere il problema e far passare i tubi in altri appartamenti anzi che il suo (anche lui si è staccato). Io devo concorrere alle spese?

Risposta:

"Egregio Francesco,
lo stacco dal riscaldamento centralizzato, autorizzato dall'assemblea a norma dell'art. 1118 C.C., esenta esclusivamente dalle spese di consumo.

Infatti l'art.1118, 4° comma dice, tra l'altro, "In tal caso il rinunziante resta tenuto a concorrere al pagamento delle sole spese per la manutenzione straordinaria dell’impianto e per la sua conservazione e messa a norma"

Cioè, praticamente, tutte le spese di manutenzione e messa a norma dell'impianto, di cui rimane, comunque, comproprietario."